venerdì 30 giugno 2017

Premio Assicurativo: Tasse e Contributi che Incidono sul Lordo

Il calcolo del premio di una polizza auto e moto dipende anche da varie tasse e imposte fisse.
Come è già stato precedentemente spiegato nell'articolo Calcolo premio assicurativo: i fattori determinanti, il premio di polizza è il costo dell’assicurazione e il calcolo della sua parte netta si basa su fattori sia oggettivi che soggettivi: in particolare per le assicurazioni auto e moto i primi sono relativi al veicolo, i secondi al guidatore e all'uso che fa del mezzo. Per il lordo però ci sono altri elementi da considerare, tra tasse e commissioni varie: vediamo quindi nel dettaglio le voci che fanno parte dei costi accessori in una polizza assicurativa.

Tasse e contributi che si pagano sull'assicurazione auto e moto - Come già spiegato il premio lordo è il totale da pagare per la polizza assicurativa comprensivo delle spese accessorie, mentre il premio netto è il costo calcolato in base alle probabilità che un incidente accada. È proprio questo il motivo che porta la polizza ad avere un prezzo di poco inferiore nonostante si passi ad una classe di merito minore: la riduzione della parte netta dovuta al miglioramento della classe di merito può essere "compensata negativamente per l'assicurato" dai vari costi accessori perchè è da considerare che tasse e imposte possono aumentare anche da un anno all’altro, fattore che potrebbe incrementare il costo finale della polizza. Infatti le compagnie assicuratrici per poter continuare a mantenere un guadagno devono inevitabilmente alzare i costi. Ad esempio nel 2012 uno dei costi che aumentò molto era relativo al contributo obbligatorio che le compagnie devono pagare allo Stato, passato durante il governo Monti dal 3% al 17%.

calcolo del premio assicurativo per polizza auto o motoAttualmente rientrano nei costi di una rc auto imposte statali pari al 12,5% da aggiungersi il 10,5% per i contributi per il Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) e per il Fondo di Garanzia Vittime della Strada (detraibile in parte); a questi vanno aggiunti o tolti il 3,5% circa per l’imposta provinciale (in alcune zone italiane non viene pagata).

Ecco un esempio numerico di una assicurazione auto (polizza rca + alcune garanzie accessorie), fatta tramite un preventivatore online e successiva analisi:
  • polizza rc auto del valore di 208,96€
  • clausola incendio 6,54€ - altri 6,54€ per la perdite economiche - furto 90,03€ - cristalli 20,6€ - eventi naturali 18,65€ - eventi socio-politici 37,23€ - assistenza 5,82€
  • l’imponibile è quindi 394,17€
  • contributo SSN di 43,9€
  • imposte generiche sull’ assicurazione: 58,88€
  • il totale supera i 470€ quindi abbiamo circa 76 euro di tasse
É proprio a causa della variabilità di questi costi e dei fattori soggettivi e oggettivi presi in considerazione in precedenza che spesso i costi per un rc auto o moto sono significativamente diversi a seconda della compagnia assicurativa scelta. Pertanto per trovare l’assicurazione più economica e ridurre così le spese la migliore cosa da fare è quella di fare preventivi di diverse compagnie assicurative.

Nessun commento: