Risparmiare sulla spesa alimentare comprando prodotti no logo, sfruttando le promozioni, usando i coupon e altri trucchetti.

Come Risparmiare sulla Spesa (Fino a 200€ al Mese)

Risparmiare soldi sulla spesa consente a una famiglia media di avere anche un paio di centinaia di euro in più a fine mese, senza rinunciare alla qualità ed anzi guadagnandoci anche in salute. La spesa alimentare è la seconda voce per importanza tra le uscite di una famiglia media, dopo solo quelle per la casa, ma spesso c'è una certa superficialità nel farla, o per lo meno di abitudini consolidate che si seguono spesso quasi istintivamente. Ma con alcuni accorgimenti si può spendere meno e anche magiare meglio, più sano: seguendo i giusti consigli su come risparmiare sulla spesa alimentare ci si può trovare con qualche cento euro in più al mese.

Risparmiare sulla spesa: offerte e promozioni dei supermercati - "Welfare del supermercato" è il termine usato per definire il grande proliferare di offerte promozionali sulla spesa di questi ultimi anni. Le promozioni di supermercati e ipermercati (a tempo, per titolari di tessera, su certi tipi di prodotti o su particolari marche) possono venire sfruttate per ridurre i costi della spesa:
  • Carrefour ha lanciato le carte Senior e Superfamily per sconti su prodotti freschi agli ultra65enni ed alle famiglie numerorse
  • Crai lancia SOS spesa: un maggior numero di prodotti a marchio in promozione
  • Coop, per chi è socio, propone buoni-sconto da spendere in periodi determinati su vari prodotti
  • Conad ha i prodotti della linea Bassi e Fissi, cioè un taglio dei prezzi su oltre 100 prodotti col suo marchio
  • Auchan ha già da anni il reparto sottocosto
  • Esselunga propone sconti tra il 30% ed il 50% su oltre mille prodotti (anche per chi non ha la tessera Fidelity, che dà accesso ad altre promozioni)
Vi consigliamo vivamente di richiedere la tessera fedeltà del supermercato, nonostante molti si lamentino di eventuali problemi con la privacy e dell’ invio di pubblicità via mail o sms: per accedere a sconti che possono davvero ridurre i costi della spesa, è forse un fastidio che si può sopportare.


Confezioni monodose per risparmiare sulla spesa - La comparazione dei costi unitari, ovvero gli euro per litro o per chilo (obbligatori nei cartellini dei prezzi sugli scaffali), mostra che la convenienza dei prodotti monodose non esiste. Una piccola indagine sui prezzi unitari mostra infatti che il gioco non vale la candela e si spende di più (per unità) nell'acquisto di prodotti in confezioni monodose. Ma questo non vuol dire che non ci siano altri vantaggi, bisogna tenere in considerazione altri aspetti per una scelta ragionata.

spendere meno per la spesaLe statistiche mostrano che un single spende, in proporzione, il 60% in più di una famiglia media: tra le cause vi è senz'altro lo spreco dovuto alla mancanza di formati adatti a tale categoria in molti prodotti, soprattutto alimentari. Analizzando l’economicità delle confezioni monodose è sì vero che il prezzo unitario è molto maggiore rispetto alle confezioni standard, ma siccome consentono di buttare del cibo perché non lo si riesce a consumare per tempo, allora per alcuni prodotti possono essere una buona scelta.

Ci sono confezioni monodose o comunque ridotte anche di prodotti non alimentari, per esempio di creme per il corpo, di bagnoschiuma, shampoo e sapone, di prodotti per la pulizia della casa: in questi casi è una grossa sciocchezza l’acquisto di confezioni monodose perché si tratta di beni più che durevoli e che comprati in grandi quantità, in confezioni grandi, consentono fortissimi risparmi. Se poi fate acquisti di prodotti no logo e sfruttate le promozioni dei supermercati allora avrete risparmi davvero considerevoli.

Risparmiare sulla spesa con i prodotti no-logo dei supermercati - Per risparmiare sulla spesa molti si affidano ai prodotti no logo, ovvero quelli che presentano il marchio dello stesso supermercato/ipermercato/centro commerciale dove sono posti in vendita, oppure prodotti di aziende poco o per nulla conosciute, invece di comprare prodotti di marca: si tratta di una soluzione economica e che, se attuata con un minimo di attenzione, non influisce minimamente sulla qualità.

I prodotti alimentari, per l'igiene della persona, la cura della casa ecc... che portano il nome della catena di supermercati sono il più delle volte prodotti dai grandi marchi più noti, i quali li rivendono poi alle aziende della GDO: il consumatore può risparmiare fino al 25% rispetto a quelli con marchi prestigiosi, mentre produttori e distributori hanno indubbi ritorni commerciali.
come risparmiare sulla spesa
In genere si pensa ai prodotti no logo o di marche poco conosciute come prodotti di bassa qualità rispetto a quelli di aziende note, ma non è così: spesso sono realizzati dalle stesse grandi aziende oppure da piccoli produttori che stanno ben attenti alla qualità di ciò che producono, anche per reggere la concorrenza (costano meno anche perché non investono in pubblicità e dunque la qualità è la sola arma di cui dispongono).

Secondo le stime di Coldiretti si possono risparmiare fino a 3500€ l'anno con l'acquisto di prodotti no logo o di marche meno prestigiose: i pregiudizi sono dunque infondati; dal sito ioleggoletichetta.it potete trovare diverse comparazioni e analisi qualitative che vi saranno molto utili.

Consigli per risparmiare sulla spesa al supermercato:
  • confrontate prezzi e offerte dei supermercati a voi vicini (ovvio, se troppo lontani il risparmio sulla spesa potrebbe essere annullato dai costi di trasporto): uno stesso prodotto può avere prezzi differenti anche non di poco
  • discount ed i mercati comunali/rionali o gestiti direttamente dagli agricoltori offrono ottime possibilità di risparmiare soldi sulla spesa, senza rinunciare alla qualità: magari alcune cose si possono comprare al supermercato, altre al discount, altre al mercato; comprare prodotti alimentari direttamente dai produttori saltando la distribuzione è un modo per risparmiare soldi sulla spesa tra i più efficaci
  • soprattutto al mercato, ma anche al supermercato, spesso verso l’orario di chiusura i prezzi di prodotti deperibili quali pane, salumi, formaggi, pesce fresco, prodotti di gastronomia, vengono scontati anche del 20%/30%: se avete la possibilità di fare la spesa nel tardo pomeriggio, approfittatene
  • portatevi i sacchetti da casa: perché spendere per averne ancora? Ci sono anche le comode e capienti buste in tela: costano magari solo un euro e durano tantissimo
  • organizzatevi in gruppi di acquisto: più agevole recarsi dai produttori fuori città, nei supermercati e centri commerciali che fanno le migliori promozioni ma sono magari lontani, usufruire delle offerte del tipo “più compri e meno spendi”, dividere i costi del trasporto
  • darsi delle scadenze: la spesa va fatta una, al massimo due volte a settimana (escludiamo i “rabbocchi” magari di pane, latte ecc..: ma devono essere essenziali); il segreto è programmare, anche se di primo impatto non è facile: programmate i pasti, controllate i prodotti alimentari in scadenza, verificate sempre cosa già avete in casa (cibo, prodotti per l’ igiene e per la casa)
  • meglio la merce sfusa che confezionata (gli imballaggi incidono fino al 30% del prezzo finale)
  • per non sprecare cibo, esistono ottime ricette per cucinare gli avanzi (i canerdeli o la frittata di pasta, per esempio): la tradizione culinaria italiana ne è ricca, è una soluzione salutare e di costo quasi nullo
  • conservate accuratamente il cibo per non doverlo buttare (ad esempio frutta e verdura vanno in basso nel frigorifero, avvolte nella carta)
Come Risparmiare sulla Spesa (Fino a 200€ al Mese) Come Risparmiare sulla Spesa (Fino a 200€ al Mese) Reviewed by Christian Citton on 29.8.19 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.