giovedì 4 aprile 2019

Alternative al Conto Corrente

Si può stare senza conto corrente o libretto di risparmio? Si può incassare un assegno in contanti senza conto corrente? Ci sono alternative al conto corrente? Meglio il contante, la carta di credito, il bancomat?
Queste domande sono molto comuni soprattutto in Italia, dove i cittadini cosiddetti "senza-banca" o "senza-finanza" sono parecchi, a causa di costi e spese dei conti correnti e delle norme su tracciabilità e anti-riciclaggio: cerchiamo quindi di capire se e quanto è necessario avere il conto corrente e quali strumenti alternativi si possono valutare.

Perchè molti non hanno il conto corrente, la carta di credito, il bancomat - In Italia è elevata la percentuale di chi non ha un conto corrente, una carta di credito o di debito (bancomat), un libretto postale, nè tanto meno mette i propri risparmi in un conto deposito, nei buoni fruttiferi postali o simili: insomma i cittadini che rifiutano i più comuni e basilari strumenti finanziari sono in crescita. In realtà sembra essere una tendenza comune a tutta Europa, ma c'è da dire che il Belpaese ha percentuali di soggetti bank-free, o unbanked, maggiore che altri paesi.

Qualche numero diffuso da "Il Sole 24 Ore": considerate le persone con più di 15 anni, in Italia sono il 29% quelle senza conto corrente, libretto di risparmio, carta di credito, bancomat o altro, cioè circa 15 milioni di cittadini; la media europea è del 14%, con differenze marcate: in Francia, Germania, Gran Bretagna, i senza-finanza sono solo il 2-3%, mentre in Danimarca e Finlandia addirittura lo 0% (tutti hanno un conto corrente). L'Italia si conferma la "patria" del contante: sapevate che il 20% della massa monetaria circolante in Europa è nei nostri confini?

Si tratta di un mix di fattori, tra cui una certa confusione sulle norme di tracciamento dei pagamenti e lotta al contante e al nero: nelle due guide Limiti di pagamento in contanti: norme e applicazioni pratiche e Incassare un assegno in contanti e prelevare contanti dal conto tutti i chiarimenti del caso, aggiornarti alle leggi ora in vigore.

Ovviamente la crisi ha spinto i consumatori a valutare con più attenzione le spese, in casi estremi a tagliare quelle non necessarie ed evidentemente quelle legate ai prodotti bancari sono tra le prime.

Alternative a conto corrente, carta di credito, bancomat - Ma in più bisogna anche dire che sono emersi nuovi prodotti, spesso on line, che sono ben più semplici per l'uso quotidiano e che sono valide alternative a conto corrente, carta di credito e bancomat: le carte-conto, le carte prepagate ricaricabili, i servizi come PayPal (sempre più accettato anche per ricevere pagamenti per lavori fatti, bonifici ecc...), il conto corrente di base, sono sempre più usati per ridurre le spese e, in alcuni casi, non vengono considerati per i calcoli sui cittadini senza-finanza su indicati.

Da questi link potete accedere a delle guide su tutti questi prodotti che ilportafoglio.info ha pubblicato e che vi potranno essere utili per chiarirvi le idee e, perchè no, cambiare il vostro attuale conto corrente per accedere a qualcosa di più pratico ed economico.

Carte di pagamento
Conti correnti
Per concludere, diciamo che è possibile vivere senza conto corrente o altri prodotti simili, ma di certo si possono incontrare diverse difficoltà: ad esempio è sì vero che si può incassare un assegno in contanti senza conto corrente ma la cosa può non essere agevole; è solo un esempio, forse il più banale, ma il discorso è che, purtroppo, la vita al giorno d'oggi implica che un qualche servizio finanziario lo si deve avere. Certo un conto corrente full optional non è sempre necessario, una semplice carta-conto può bastare, ed è anche vero che le banche tendono a proporre i prodotti più convenienti per loro e non per il consumatore (sempre, sempre, sempre fate confronti tra conti correnti, carte di credito ecc... coi comparatori on line, strumenti gratuiti molto utili), ma non averne nessuno vuol dire complicarsi un po' troppo la vita.

Nessun commento: