Detrazioni spese mediche: quali farmaci e cure si possono detrarre, limiti di spesa, istruzioni per la dichiarazione dei redditi - guida aggiornata per il 2019

Dichiarazione dei Redditi e Spese Mediche (Cosa Detrarre e in che Percentuale)

Quando si deve compilare la dichiarazione dei redditi troviamo tra le voci di spesa detraibili le spese per le cure mediche e per l'assistenza sanitaria. Queste spese non vengono sottratte interamente come somma spesa ma danno diritto da una detrazione fiscale del 19% di quanto speso se è stato raggiunto un minimo di spesa superiore ai 129,11 euro (questo limite non c'è per i portatori di handicap e gli invalidi). Le spese detraibili sono quelle dell'anno a cui si riferisce la dichiarazione, quindi la dichiarazione che fate nell'anno 2019 prevede che possiate detrarre dal reddito e dunque dalle tasse che dovete pagare le spese mediche fatte nel 2018.

Modello 730 e Redditi precompilato: ci sono già le detrazioni per i farmaci e assistenza specifica - Importante precisare che dal 2017 nella dichiarazione dei redditi col 730 o col Modello Redditi PF (ex Unico), le agevolazioni fiscali per queste voci di spesa sono già inserite in quanto l'Agenzia delle Entrate ricava i dati direttamente dalle strutture autorizzate per l’erogazione dei servizi sanitari. Quando infatti pagate presso ASL, aziende ospedaliere, farmacie e presidi di specialistica ambulatoriale, date la vostra tessera sanitaria: lo scopo è proprio quello di farvi trovare il Modello 730 già compilato per queste spese. Fino al 2016 non erano inseriti i farmaci da banco ma solo quelli dietro prescrizione medica, pure l'assistenza specifica (ad esempio le prestazioni fornite da ottici e fisioterapisti) era esclusa, invece da quest'anno sono già inseriti.

Se non potete/volete usufruire del Modello 730 o Redditi Precompilato per la dichiarazione dei redditi dovrete inserire tutto da voi: in questa guida riportiamo dunque quali voci danno diritto alle detrazioni fiscali, così che chi presenta la dichiarazione dei redditi con un modello precompilato le potrà verificare, mentre chi la compila da sè (anche con l'aiuto di un CAF o di professionista abilitato) potrà usare queste indicazioni come istruzioni per la compilazione.

La franchigia delle detrazioni fiscali per spese medico-sanitarie - La detrazione d'imposta è per il 19% del loro importo ma occorre che venga superato l'importo minimo di 129,11 euro: la detrazione si calcola sulla somma eccedente tale limite. Si calcola sull'intera spesa se riguarda i mezzi necessari per l'accompagnamento, la deambulazione e il sollevamento di portatori di handicap (es. carrozzine) e l'acquisto di sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare la loro autosufficienza.

Nel caso le spese sanitarie abbiano superato nel 2018 l'importo di 15.493,71 euro (calcolato senza togliere la franchigia) si può chiedere che la detrazione venga ripartita in quattro rate di uguale importo nelle successive quattro dichiarazioni dei redditi, cosa comunque necessaria se si è nella situazione di "non capienza fiscale", cioè che il totale Irpef da pagare è meno delle stesse detrazioni a cui si ha diritto.

detrazioni fiscali spese medicheInnanzi tutto, non sono detraibili queste voci di spesa:
  • interventi chirurgici necessari come quelli di chirurgia estetica eseguiti per una mera questione di bellezza
  • trasporto in ambulanza
  • parafarmaci, integratori alimentari, prodotti fitoterapici, cosmetici, pomate, colliri, coadiuvanti per la perdita del peso creme di bellezza e dimagranti
I medicinali possono essere scaricati, principalmente se si tratta di medicinali non rimborsabili e utilizzati per la cura di malattie varie e patologie. Per scaricare i medicinali bisogna mantenere lo scontrino fiscale con il vostro codice fiscale impresso sulla ricevuta perchè senza il codice fiscale lo scontrino non può essere detratto. Dato che si tratta di un elemento molto importante e che richiede dettagliate istruzioni, nella guida Elenco farmaci detraibili e documenti necessari trovate tutte le informazioni necessarie.

Potete detrarre dalle tasse gli esami di laboratorio e le visite specialistiche prescritte dal medico, questo è possibile mediante la fattura a nome vostro rilasciata dal centro di analisi o dal medico specialista che vi ha in cura. Come per le spese dai medici specialisti anche le spese dentistiche possono essere detratte dalle tasse. Non solo, se avete usufruito dell'assistenza di infermieri e fisioterapisti, potete richiedere la detrazione, naturalmente, sempre dimostrando tramite fattura o ricevuta fiscale il loro intervento.
Possono essere detratte le spese per l'acquisto di attrezzature sanitarie necessarie per preservare la salute del paziente. Questo concetto è trasferibile anche per gli acquisti online, su siti come Medisanshop nel quale è possibile trovare ad esempio le carrozzine autospinta, necessarie per persone che hanno problemi motori e malattie che gli impediscono l'utilizzo degli arti inferiori, ma anche dispositivi più comuni come macchine per l'aerosol e misuratori della pressione.

Si possono portare in detrazione anche le spese per l'acquisto di occhiali da vista, lenti a contatto da vista e liquidi di conservazione.

Sono detraibili anche le spese per fisioterapia, tecarterapia, logopedia, osteopatia e simili, ma ci sono varie specificazioni molto importanti per le quali vi rimandiamo all'apposita guida sulle detrazioni per spese di riabilitazione.

Anche le cure termali possono essere detratte, a patto che queste siano state prescritte da uno specialista. In alcuni casi le cure termali possono anche essere sovvenzionate dall'INPS, in caso di una prescrizione medica.
Dichiarazione dei Redditi e Spese Mediche (Cosa Detrarre e in che Percentuale) Dichiarazione dei Redditi e Spese Mediche (Cosa Detrarre e in che Percentuale) Reviewed by Christian Citton on 11.3.19 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.