Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Pensione Invalidità: Si Può Integrare al Minimo INPS

lunedì 11 gennaio 2016 Aggiornato il:

L'integrazione al minimo INPS vale anche per la pensione d'invalidità civile che dunque può arrivare a 502.89€ al mese (valore per il 2016) se valgono precisi requisiti di reddito, a seconda che si sia coniugati o meno. Vediamo dunque valori e requisiti 2016 per l'integrazione della pensione d'invalidità al minimo INPS, tra i più importanti aiuti sociali e regolata dall'art.1 comma 3 della Legge 222/1984 (ricordiamo che la pensione d'invalidità è cosa diversa dall'assegno Ordinario d'Invalidità, secondo il nome ufficiale). Precisiamo che quanto riportato in questa guida non riguarda la pensione anticipata per lavoratori invalidi, in quanto questa è una pensione da lavoro per la quale valgono le normali regole sull'integrazione al minimo.

Fondamentalmente, integrare la pensione d'invalidità al minimo INPS vuol dire che l'importo dell'integrazione non può superare quello dell'assegno sociale (l'ex pensione sociale), ma anche che il totale di AOI + integrazione non deve superare l'importo della pensione minima INPS, che per il 2016 è fissato a 502.89€ [dato che il decreto del 17 novembre 2016 ha fissato il valore definitivo del tasso di inflazione a 0%, l'importo 2017 dovrebbe restare uguale, come anche il limite di reddito].

Nel caso delle pensioni d'invalidità dunque, l'integrazione al minimo segue regole leggermente differenti che per altre prestazioni previdenziali, anche per quel che riguarda i requisiti di reddito minimo. Inoltre la pensione d'invalidità non dà diritto quattordicesima mensilità INPS.

Prima di dare i dettagli sui requisiti di reddito per l'integrazione alla pensione minima dell'assegno ordinario di invalidità, vi indichiamo qui altre guide utili su questo sostegno e altre agevolazioni per i disabili:


Limiti di reddito per integrazione al minimo INPS della pensione d'invalidità

Per integrare la pensione d'invalidità al trattamento minimo occorre rispettare precise soglie di reddito, diverse se il titolare dell'assegno ordinario d'invalidità è sposato o meno:

integrazione al minimo della pensione d'invalidità INPS 2016

Ulteriori precisazioni, decisamente importanti:
  • i limiti di reddito su esposti derivano da un preciso calcolo: il reddito IRPEF del titolare della pensione d'invalidità non deve superare il doppio dell'importo dell'assegno sociale, il triplo in caso di eventuale coniuge (i due redditi si sommano)
  • se l'invalido/a è coniugato, il suo reddito personale può superare il limite del doppio della pensione sociale, ma la somma con quello del coniuge non deve superare il triplo
  • non si considerano nel calcolo del reddito assoggettabile IRPEF quello derivante da casa di proprietà
  • purtroppo nel calcolo del reddito si deve includere anche l'importo della pensione d'invalidità
  • a differenza che le pensioni da lavoro non è prevista alcuna integrazione parziale se si superano i limiti di reddito

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni