Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Libretto Impianto Elettrico: Presto Obbligatorio per Proprietari o Inquilini Immobili

mercoledì 4 marzo 2015 Aggiornato il:

Sembrava che disposizioni normative del 2008 imponessero l'obbligo del libretto dell' impianto elettrico, tuttavia non è così: il libretto dell'impianto elettrico serve sia agli utenti che agli installatori in quanto garantisce la massima sicurezza per il consumatore e dovrebbe diminuire la concorrenza del lavoro nero. Dunque uno strumento utile, non un obbligo di legge. Ma chi può rilasciare il libretto d'impianto elettrico? Quali sono le responsabilità del proprietario o dell'occupante dell'abitazione? Spieghiamo tutti in questa guida, ma prima di cominciare vi ricordiamo che dal 1 gennaio 2016 è scattato l'obbligo di nuovi controlli e libretti per caldaie e impianti termici, che ci sono nuove norme per lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici., che dal 1 gennaio 2017 scatta l'obbligo di termovalvole e contabilizzatori per gli impianti di riscaldamento centralizzato.

Libretto impianto elettrico, gli obblighi del proprietari

Il libretto d'impianto elettrico può essere richiesto dal proprietario o dall'affittuario dell'immobile, nel momento in cui si debbano affidare dei lavori di ampliamento, trasformazione, installazione e di manutenzione straordinaria dell'impianto ad aziende abilitate, al fine di conservarne le caratteristiche di sicurezza previste dalle vigenti leggi in materia. Il proprietario o l'inquilino, attraverso l'utilizzo di un libretto d'impianto elettrico nel quale vengono riportate le istruzioni d'uso e manutenzione degli apparecchi che formano l'impianto stesso, viene aiutato a rispettare le disposizioni di legge.

Sul libretto, che ribadiamo non è ad ora obbligatorio (settembre 2016) ma potrebbe diventarlo in futuro, sono indicate tutte le regole per il corretto utilizzo dell'impianto e dei suoi componenti e chiarisce quando intervenire per effettuare la manutenzione ordinaria e straordinaria: dovrebbe infatti contenere la cadenza temporale entro la quale svolgere gli stessi interventi. Il libretto impianto elettrico contiene inoltre le garanzie e le informazioni fornite dall'impresa installatrice che serviranno per gestire in maniera efficiente e corretta il funzionamento, garantendo più sicurezza e migliori prestazioni al proprietario.

Leggi anche le guide:
Convenienza Assicurazione Casa: Cosa Copre e Utilità (anche i danni agli impianti) Attestato di Prestazione Energetica: cosa è l'APE e perchè serve

Libretto d'impianto elettrico, chi lo rilascia?

Proprietari e Inquilini dovranno obbligatoriamente avere il libretto impianto elettricoIl libretto impianto elettrico viene rilasciato dall'impresa installatrice, la quale si occuperà anche di compilarlo e di fornire le corrette informazioni all'utente in merito agli obblighi da assolvere, per evitargli di incorrere in sanzioni.

Libretto impianto elettrico, le responsabilità dell'utente

Il proprietario dell'immobile o chi vi risiede è considerato unico responsabile del regolare funzionamento in base a quanto stabilito nella norme vigenti. Il libretto verrà consegnato al proprietario congiuntamente alla dichiarazione di conformità dell'impianto, inoltre la documentazione può essere esibita in caso di controlli e consegnata ai futuri proprietari dell'immobile nel momento in cui si vende o affitta l'abitazione.

I lavori di manutenzione e controllo dovranno svolgersi con cadenze periodiche o ad ogni eventuale modifica all'impianto elettrico dell'immobile e saranno eseguiti solo da imprese o tecnici abilitati in base ai requisiti previsti dal D.M. 22 gennaio 2008, n. 37, lettera a). Durante le verifiche periodiche si dovrà: esaminare a vista gli impianti, misurare l'efficacia dell'isolamento, verificare la continuità dei conduttori di protezione, verificare il serraggio delle connessioni, verificare il corretto funzionamento dell'interruttore differenziale posto a protezione da eventuali contatti diretti e indiretti.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni