Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Lavoro in Svizzera: Permessi, Contratti, Stipendi e Altre Info Utili

martedì 17 febbraio 2015 Aggiornato il:

Lavorare in Svizzera è il sogno di molti italiani: ma quali permessi ci vogliono e che contratti si trovano? Gli stipendi e i salari in Svizzera a che livello sono? E il costo della vita? Meglio vivere in Svizzera o fare il frontaliere? In questa guida a come lavorare in Svizzera una serie di informazioni e riferimenti utili. NB: la guida è stata redatta con le indicazioni ufficiali per i cittadini UE e quindi italiani.
AGGIORNAMENTO 23 febbraio 2015: firmato l'accordo Italia-Svizzera, cambia il regime fiscale per i lavoratori frontalieri
Come prima cosa diciamo che il referendum svizzero sui lavoratori stranieri ha sì posto un tetto massimo di ingressi, limiti ai ricongiungimenti familiari ed ai permessi, ma gli effetti ci saranno dal 2017 per via degli accordi internazionali stipulati anni fa dalla Svizzera con l'UE, che andranno quindi rettificati (cfr l'articolo Lavorare in Svizzera, Permesso per Frontalieri dal 2017). Ma in ogni caso si può ancora cercare lavoro in Svizzera ed andarci a vivere, su questo dubbi non ce ne sono.

Definizione di frontaliere: si dice lavoratore frontaliere in Svizzera chi risiede in un paese UE e lavora in una zona di frontiera della Confederazione Elvetica, i cui limiti sono fissati dalle autorità del Paese. Almeno una volta a settimana il frontaliere deve tornare al paese d'origine.

Serve un lavoro per entrare in Svizzera? No, per i primi tre mesi si può andare in Svizzera a cercare lavoro con solo la carta d'identità o il passaporto; se non si trova niente ma si vuole continuare allora si deve chiedere il permesso L/UE-EFTA (permesso di soggiorno di breve durata) che vale altri tre mesi, prolungabile poi ancora per un anno.
Leggi anche: Come Affrontare il Colloquio di Lavoro  -  Come Scrivere Lettera di Presentazione e Curriculum Vitae  -  Lavoro e Studio All'Estero: Erasmus, Garanzia Giovani e Altre 5 Possibilità

Andare in Svizzera a lavorare: permesso di soggiorno, di dimora, per frontalieri, di domicilio

Per lavorare in Svizzera occorre un permesso di soggiorno, che per i cittadini UE e quindi per gli italiani vale come permesso di lavoro. In sintesi comunque:
  • Permesso di soggiorno di breve durata - permesso L/UE-EFTA: rilasciato a chi ha un contratto di lavoro dipendente con durata sotto i 12 mesi e ovviamente la sua durata equivale a quella del contratto di lavoro. Non serve agli italiani per lavoro di meno di tre mesi, ma è obbligatorio nel caso di assunzione d'impiego presso un datore di lavoro svizzero.
  • Permesso di dimora - permesso B/UE-EFTA: vale 5 anni poi va rinnovato, questo è in caso di contratto di lavoro dipendente con durata oltre i 12 mesi o a tempo indeterminato ma anche per i lavoratori indipendenti con una effettiva attività lucrativa; chi non ha un'attività, per avere questo permesso, deve dimostrare di avere mezzi economici sufficienti e un'assicurazione malattia o infortuni.
  • Permesso di domicilio - permesso C UE/AELS: i cittadini UE che lavorano in Svizzera da più di cinque anni hanno diritto a tale permesso di durata illimitata ma che viene periodicamente controllato.
  • Permesso per frontalieri - permesso G UE/AELS: come dice il nome è per chi lavora in Svizzera da frontaliere (autonomo o dipendente) e vale cinque anni se il contratto di lavoro ha durata oltre i 12 mesi, se no ha validità equivalente alla durata del contratto.
Leggi anche - Indennità di disoccupazione quando si va all'estero

Contratti di lavoro in Svizzera

Come in Italia i contratti di lavoro svizzeri sono individuali o collettivi, in più ci sono i contratti normali di lavoro emanati dalla Confederazione o dai Cantoni:
    lavorare in svizzera: permessi, contratti, stipendi e salari
  • Contratto individuale di lavoro in Svizzera: può essere scritto e verbale ma è migliore la prima per disciplinare elementi quali la regolamentazione dell'orario e il divieto di concorrenza, non ha particolari requisiti formali (ce li ha il contratto di tirocinio però), se a tempo indeterminato si scioglie con disdetta scritta.
  • Contratti collettivi di lavoro in Svizzera: come in Italia sono regolati dalle trattative tra sindacati dei lavoratori e associazioni padronali che si accordano su salari/stipendi minimi, permessi e quant'altro, sono distinti tra CCL ad obbligatorietà generale per i vari settori di lavoro e CCL senza obbligatorietà generale valevoli solo per gli iscritti ai sindacati.
  • Contratti normali di lavoro, della Confederazione, dei Cantoni in Svizzera: sono quelli resi obbligatori dal governo confederale elvetico o da singoli Cantoni nei settori dove non ci sono accordi tra le parti o dove le disposizioni su salari minimi, orari e altre importanti questioni non sono rispettate (in genere questi contratti riguardano settori come l'agricoltura o l'economia domestica).
Da questi link dal sito ufficiale della Confederazione Elvetica sul lavoro in Svizzera trovate alcuni modelli da scaricare e i dettagli normativi: Contratto di lavoro Svizzera 1 - Contratto di lavoro Svizzera 2 - Contratto di lavoro Svizzera 3 - Contratto di lavoro Svizzera 4

Cercare lavoro in Svizzera: siti

Cercare e trovare un lavoro in Svizzera è come in Italia! O si conosce qualcuno, o si va sul posto a portare curriculum e domande di assunzione, o ci si affida a siti e agenzie di lavoro: eccone alcuni tra i principali.
  • Area-lavoro.ch è il sito ufficiale dell'Autorità federale per il lavoro
  • seco.admin.ch è il sito della Segreteria di Stato dell’economia
  • JOB-ROOM è un sito di annunci di lavoro con indirizzi e contatti degli uffici di collocamento svizzeri
  • adressen.sdbb.ch riporta tra le varie informazioni  gli uffici della formazione professionale, dell’orientamento professionale, universitario e di carriera e degli uffici regionali di collocamento divisi per Cantoni
  • neuvo.ch è la versione svizzera, disponibile in italiano ma anche in francese, tedesco, inglese, del motore di ricerca specializzato in annunci e offerte di lavoro
  • indeed.ch è la versione svizzera del motore di ricerca specializzato in annunci e offerte di lavoro
Cerca qui il tuo lavoro in Svizzera o in Italiamotore di ricerca gratuito di offerte di lavoro per ogni cantone, città e regione!

Salari e stipendi in Svizzera, costo della vita

Ma conviene andare in Svizzera a lavorare? Beh, di certo se si risiede in Italia, si è frontalieri nel senso che si va oltreconfine solo per il lavoro allora sì, visto che stipendi e salari medi in Svizzera sono tra i più alti del mondo: un insegnate in media prende tra i 4000 e i 5000 euro al mese, oltre 5000-6000 franchi svizzeri, un medico tra i 4600 e i 5500 euro al mese, un dipendente ospedaliero, oss, infermiere tra i 3500 e i 4500 euro, un muratore tra i 3500 e i 4600 euro al mese.

Ma vivere in Svizzera è caro perchè il costo della vita è elevato: comprare una casa se si è lavoratori stranieri è carissimo e quasi tutti abitano in affitto con i contratti di locazione che certo non sono a livello di quelli italiani (un bilocale circa 960 chf / 770€, un trilocale circa 1160 chf / 970€: media nazionale nelle città).

Ecco perchè conviene lavorare in Svizzera come frontalieri, ma occorre risiedere nelle province del Nord Italia confinanti con la Confederazione Elvetica, ovvero Aosta, Vercelli, Verbano-Cusio-Ossola, Varese, Como, Sondrio, Bolzano.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni