Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Quale Mutuo Scegliere: Interessi al Minimo, i Migliori Mutui

martedì 16 settembre 2014 Aggiornato il:

Meglio un mutuo tasso fisso o tasso variabile? I tassi di interesse sono convenienti per entrambi ma di sicuro attualmente conviene di più un mutuo variabile e le previsioni sugli intereressi dei mutui dicono che sarà così ancora per i prossimi anni. Vediamo quali sono adesso i migliori mutui coi tassi di interesse più bassi e gli spread più convenienti, facendo un'analisi dei principali finanziamenti per acquisto casa.


Come già abbiamo detto, la Banca Centrale Europea ha tagliato il costo del denaro nei mesi di giugno e settembre 2014 e questo ha un effetto diretto sugli interessi dei mutui variabili tasso Euribor e tasso BCE, indiretto sugli interessi dei mutui fissi e sugli spread bancari di quasi tutti i finanziamenti. Essendo però il livello degli interessi al minimo già da tempo, gli effetti saranno di poco conto: più che altro confermano le più recenti previsioni sui tassi di interesse dei mutui, che rimarranno bassi almeno altri due/tre anni (salvo choc politico-economici improvvisi). Da considerare anche che il mercato immobiliare sta forse lentamente riprendendonsi visto che si segnala un aumento di circa 3 miliardi nell'erogazione di mutui acquisto casa nel primo semestre 2014 rispetto a quello del 2013.
Altre offerte di mutui: Promozioni Mutui: le Offerte di Deutsche Bank, UBI Banca e Popolare di Milano  -  Mutui Hello Bank Tasso Fisso e Variabile in promozione  -  Mutui UniCredit Valore Italia: Interessi In Promozione Ma Attenzione  -  Mutui 100%: costi, garanzie e offerte  -  Mutuo You tasso variabile Banco Popolare  -  Mutuo Last minute tasso fisso Banco Popolare

Con gli attuali livelli dei tassi di interesse, quali sono i mutui più convenienti?

Non c'è dubbio, i migliori mutui sono i mutui a tasso variabile: un mutuo a tasso BCE ha la parte di quota interessi relativa al parametro di riferimento pari allo 0,15% (l'attuale livello del costo del denaro), un mutuo a tasso Euribor anche meno in base alla durata, mentre un mutuo a tasso fisso Eurirs è anch'esso conveniente rispetto alla media storica ma attualmente tale parametro rimane ben più alto rispetto al variabile:

eurirs e euribor
Valori in data 16 settembre 2014

Sommando gli spread bancari attualmente scesi al 2% medio o anche meno, si ha che ora gli interessi dei mutui a tasso variabile sono sotto il 3%, mentre gli interessi dei mutui fissi sono tra il 3% ed il 4,5% in base alla durata.
Qui >>> annunci immobiliari acquisto e affitto, tutte le province d'Italia  -  Qui >>> Tasse sulla casa 2014  -  Qui >>> Mutui usurari, come difendersi  -  Qui >>> Detrazioni fiscali sul mutuo

Come scegliere il miglior mutuo?

Non è una domanda facile perchè le variabili in gioco sono parecchie: il proprio reddito e il possibile evolversi futuro della carriera lavorativa e dei risparmi, il valore della casa da comprare, l'importo del mutuo (in senso assoluto e in rapporto al valore della casa, il famoso loan to value), la durata dell'ammortamento.
Come sempre si dice un mutuo a tasso fisso conviene a chi vuole la certezza che i costi non cambino mai perchè ha una condizione lavorativa o finanziaria in genere che in futuro non porterà ad aumenti di reddito e prevede un finanziamento con un lungo ammortamento; tuttavia si può sempre rischiare con un mutuo a tasso variabile per spendere meno adesso ed eventualmente fare la surroga o la rinegoziazione del mutuo se gli interessi dovessero salire troppo nel futuro.

Migliori mutui a tasso variabile

Ipotizzando un mutuo acquisto casa da 150mila euro con ammortamento in 25 anni, per un 35enne con reddito da 2000 euro al mese, abbiamo:
  1. Mutuo Arancio ING Direct: Euribor 3 mesi + spread 2.20% per un Taeg del 2.48%, rata mensile 648 euro
  2. Mutuo variabile Cariparma: Taeg 2.29%, rata mensile 649 euro
  3. Mutuo variabile UBI Banca: Taeg 2.29%, rata mensile 654 euro
Passando ad un mutuo variabile da 250mila euro, sempre con rimborso in 25 anni ma con un reddito del lavoratore da 3000 euro al mese, abbiamo:
  • Mutuo Arancio ING Direct: Taeg 2.65%, rata mensile 1105 euro
  • Mutuo variabile Webank o Cariparma o Deutsche Bank: Taeg 2.54% o 2.57%, rata mensile 1120 euro
  • Mutuo Domus Variabile Intesa Sanpaolo: Taeg 2.66%, rata mensile 1122 euro

Migliori mutui a tasso fisso

Ipotizzando un mutuo acquisto casa da 150mila euro con ammortamento in 25 anni, per un 35enne con reddito da 2000 euro al mese, abbiamo:
  • Mutuo fisso UBI Banca: Taeg 4.10%, rata mensile 799 euro
  • Mutuo Pratico Deutsche Bank: Taeg 4.39%, rata mensile 809 euro
  • Mutuo fisso CheBanca!: Taeg 4,44%, rata mensile 810 euro
Passando ad un mutuo fisso da 250mila euro, sempre con rimborso in 25 anni ma con un reddto del lavoratore da 3000 euro al mese, abbiamo:
  • Mutuo fisso Webank o UBI Banca: Taeg 4.46% o 4.51%, rata mensile 1367 euro
  • Mutuo fisso CheBanca!: Taeg 4.54%, rata mensile 1369 euro
  • Mutuo Domus Fisso Intesa Sanpaolo: Taeg 4.68%, rata mensile 1382 euro

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni