Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Assicurazioni: Archivio Informatico Contro le Truffe, il Garante per la Privacy Dice Sì

giovedì 28 agosto 2014 Aggiornato il:

Arriva l'ok del Garante della Privacy all'archivio informatico integrato per combattere le frodi alle compagnie assicurative a base di falsi incidenti e infortuni simulati, un data-base che raccoglierà vari dati relativi alle assicurazioni, ai titolari delle polizze auto e moto, ai sinistri; calerà il prezzo della polizza rc?


Le truffe alle assicurazioni sono tra i motivi degli elevati costi delle polizze rc auto e moto (forse le compagnie assicurative ci marciano un po' su ma di certo è un grave problema molto italiano...): con incidenti e infortuni simulati molti milioni di euro se ne vanno per la furbizia e la disonestà di molti. Ma forse la svolta è vicina visto che c'è stato il sì del Garante per la Privacy al cervellone informatico che raccoglierà e incrocerà diversi dati e informazioni per individuare eventuali soggetti a rischio, e che anche valuterà ogni sinistro con un indicatore di anomalia.
Leggi anche: Assicurazioni On Line: le Norme a Tutela dei Consumatori  -  Assicurazioni auto a rate: cosa sono? Si risparmia sulla polizza rca?  -  Risarcimento danni per incidente con auto non assicurata, come ottenerlo  -  PREVENTIVI POLIZZE GRATUITI
Tra i dati raccolti dall'archivio, gestito ovviamente dall'IVASS, ci saranno quante volte un soggetto ha testimoniato in cause assicurative visto che confluiranno quelli provenienti dall'anagrafe dei testimoni e dei danneggiati, poi quelli relativi alle installazioni delle scatole nere sulle auto, quelli dell’archivio nazionale dei veicoli, dell’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida e del Pra. Da notare che verranno archiviati anche quelli sul ruolo dei periti.

Comunque il Garante della Privacy prima di dare il via libera a questo data-base che, si spera, sarà utile contro le truffe alle assicurazioni e porterà alla riduzione dei premi di polizza rc auto/moto, ha imposto che i dati rilevati siano con precisione individuati e che gli assicurati ne siano informati, che le modalità di archiviazione abbiano tempistiche e modalità precise nonchè un grado di sicurezza notevole.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni