Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Con le Fidelity Card si Risparmia? Caratteristiche e Privacy

martedì 19 agosto 2014 Aggiornato il:

Le tessere fedeltà di supermercati, centri commerciali e distributori di carburante consentono di risparmiare, ma bisogna conoscerle e fare attenzione a costi e privacy: in questa guida, quali sono le principali carte fedeltà, ovvero quelle di supermercati e distributori di benzina.

Le fidelity card: più si usano e più fanno accumulare punti per sconti, premi, regali e promozioni. Sono un must di supermercati, ipermercati, centri commerciali, catene di grande distribuzione organizzata, ma anche delle compagnie petrolifere che gestiscono di distributori di benzina e gasolio. In genere il meccanismo è comune e prevede che le si consegni alla cassa per l'accumulo dei punti in base a quanto speso secondo lo scontrino.

ATTENZIONE: alcune di queste fidelity card sono anche carte di pagamento, ovvero carte di credito o prepagate ricaricabili; ci sono persino carte fedeltà nella formula di carta revolving, e su queste c'è da dire che essendo le revolving non carte di credito ma più che altro dei prestiti, hanno costi spesso onerosi [per tutte le info su tali prodotti: Carte revolving, tassi di interesse altissimi].

Esistono anche le gift card, delle carte fedeltà di recente invenzione. Si tratta in sostanza di carte prepagate con un credito tra 20 e 50 euro circa, che possono essere usate per acquisti in determinate catene di grande distribuzione organizzata, soprattutto di abbigliamento, libri e simili. Sono più che altro un regalo da fare a qualche amico o parente che potrà così comprare quello che vuole.

tessere fedeltà: vantaggi e svantaggi delle fidelity card
con le carte-fedeltà quali vantaggi si hanno?
Le più diffuse e all'atto pratico più utili tessere fedeltà sono quelle dei supermercati e dei distributori di benzina, che trattiamo specificatamente in questi due approfondimenti:
Secondo le statistiche noi italiani siamo tra i consumatori più interessati a tali prodotti, visto che si calcola una media di 4-5 carte fedeltà per ogni italiano!

Ma come la mettiamo con la privacy? Per ottenere una tessera fedeltà occorre compilare un modulo con i propri dati anagrafici, e questo punto è imprescindibile per averla; poi vengono proposte due caselle da barrare: una che dà l'assenso a ricevere le offerte promozionali del marchio, l'altra sull'assenso a far registrare le proprie abitudini di acquisto per ricerche di mercato.

Ebbene, le due caselle non sono affatto obbligatorie e potete benissimo negare l'assenso ad entrambe le richieste senza per questo rinunciare alla carta.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni