Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Conto corrente condominiale obbligatorio da giugno

martedì 23 aprile 2013 Aggiornato il:

Anche il settore dei condomini ha visto importanti novità in questi ultimi mesi, non solo sui regolamenti condominiali e la figura dell’ amministratore di condominio, ma anche finanziari: a partire da giugno infatti sarà obbligatorio un conto corrente condominiale per la gestione delle spese comuni.

Infatti sono stati modificati alcuni punti della disciplina dei condomini del Codice Civile e tra poco saranno del tutto operative: in particolare a partire dal 18 giugno 2013 l’ amministratore di condominio dovrà appunto aprire un conto corrente condominio che non sarà intestato a lui ma proprio al condominio stesso.

Lo scopo di queste novità è quello di dare accesso agli stessi condòmini a maggiori e più dettagliate informazioni sulla gestione finanziaria dello stabile, che fino ad ora era possibile analizzare solo tramite i vari verbali alle riunioni di condominio: come ha determinato l’ Arbitro Bancario Finanziario ogni condòmino potrà dunque visionare le transazioni che avvengono sul conto corrente condominiale, seppur non è egli stesso un titolare del conto.

-Antiriciclaggio, anagrafe conti e liquidità sospette    -La sicurezza dei conti bancari online     -Guida ai conti cointestati     -Conto in banca: se la banca fallisce cosa succede?   -Conti correnti: l' UE vuole più trasparenza, meno costi, portabilità più facile

Ovviamente la scelta di quale conto corrente aprire per la gestione delle spese condominiali sarà appannaggio dell’ amministratore di condominio, sentiti i pareri dei condòmini: gli interessi maturati sul conto non è ben chiaro che destinazione possano avere, ma appare plausibile che vengano re-investiti sempre nella gestione finanziaria dello stabile.
Un altro punto problematico è come le banche interpreteranno questo conto corrente condominiale: intestato al condominio, chiaro, ma ritenendo il condominio una società o una persona fisica? Questo ovviamente ha ripercussioni sull’ imposta di bollo del conto (più alta per quelli intestati a società) e sugli interessi sull’ eventuale scoperto.

Segnaliamo in conclusione che ora l’ amministratore di condominio deve stipulare una polizza individuale di responsabilità civile.

Nessun commento:

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni