Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Bonus bebè 2013: ultimi aggiornamenti

giovedì 4 aprile 2013 Aggiornato il:

Il bonus bebè consiste in un aiuto statale a favore delle famiglie che hanno avuto un figlio: per delle informazioni preliminari vi consigliamo di leggere Bonus bebè 2013, modalità e tempistica; vediamo qui invece gli aggiornamenti sul bonus bebè 2013, basandoci sull’ ultima circolare Inps in merito, datata 28 marzo.
La circolare n° 48 emanata dall’ Inps conferma ciò che è contenuto nel Decreto Fornero in merito alle nuove modalità di erogazione del bonus bebè, specificando varie questioni e risolvendo alcuni dubbi.
Per poter domandare il bonus bebè occorre che la madre lavoratrice rinunci al congedo parentale: si otterranno così dei contributi per il pagamento di baby sitter e asili.

Il bonus bebè 2013 viene erogato sotto forma di voucher: per ogni mese (sei) sono 300€, ma è possibile anche avere i 1800€ in una unica soluzione.

Bonus bebè 2013, condizioni per la richiesta

  • Le madri devono rinunciare al concedo parentale: per tutte le novità consultate la guida congedi parentali 2013
  • Il contributo del bonus bebè, se la madre lavora part-time, sarà erogato in proporzione
  • Il pagamento del bonus bebè è tramite voucher (i buoni-lavoro) ma, se si decide di usufruire di asili pubblici o servizi privati accreditati, sarà l’ Inps a pagare direttamente la struttura, sempre nei limiti di 300€ al mese per sei mesi (occorre ovviamente portare la documentazione di avvenuta prestazione)
  • Le madri-lavoratrici che siano iscritte alla gestione separata possono avere un bonus bebè per soli tre mesi
  • In ogni caso l’ Inps ha fondi limitati: le domande di bonus bebè 2013 verranno valutate caso per caso

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni