Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Social lending: quali garanzie per i prestiti tra privati?

lunedì 11 febbraio 2013 Aggiornato il:

Il social lending, ovvero la possibilità di prestiti tra privati gestiti da società certificate che mettono a disposizione una piattaforma web, è un modo per ricevere un prestito a condizioni più vantaggiose che in banca o in altri istituti finanziari: vediamo come si svolge e che misure di sicurezza ci sono.


Come detto nella prima parte di questa guida ai prestiti tra privati, chi decide di essere creditore, ovvero investire del denaro nel social lending, quando si iscrive ad una community deve scegliere a quali categorie di debitori possono venire prestati i suoi soldi: la solvibilità, le garanzie di chi richiede un prestito sono valutate dalla società che gestisce la piattaforma con gli stessi criteri che seguirebbe una banca, ovvero se vi sono precedenti debiti e se sono stati saldati, che tipo di posizione lavorativa e altro.

Tramite tali criteri i clienti vengono suddivisi in classi di merito: i creditori che decidono che il loro denaro può venire concesso a debitori a più alto rischio avranno rendimenti maggiori, mentre chi vuole andare più sul sicuro ne avrà di più bassi; la società comunque garantisce in parte le cifre che vengono messe a disposizione da chi investe.


Una società che decide di aprire una community di social lending opera sotto la vigilanza della Banca d’ Italia e ne deve seguire le norme; il prestito tra privati viene giuridicamente definito come un’ opera riferibile a istituti di pagamento considerati operatori non bancari che gestiscono servizi finanziari e di pagamento  alternativi a quelli delle banche: la struttura di gestione del rischio, il collegio sindacale, i revisori contabili di tali società devono essere in linea con le norme di Bankitalia, ed ovviamente ci deve essere un patrimonio per tutelare la clientela.

C’è anche l’ obbligo per le società di prestiti tra privati di comunicazione di tutti i rapporti in essere coi clienti, di segnalazioni per l’ antiriciclaggio e l’ evasione fiscale, di regolarità dei pagamenti.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni