Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Ristrutturazioni edilizie e detrazioni fiscali: aliquota del 50% ma solo per un periodo limitato

mercoledì 20 febbraio 2013 Aggiornato il:

C’è un po’ di confusione a riguardo delle aliquote per le detrazioni fiscali sulle spese di ristrutturazione edilizia: il motivo dipende dal Decreto Sviluppo che, avendo validità temporale di un anno (a meno di proroghe o conversioni), crea una finestra in cui tali aliquote sono differenti

AGGIORNAMENTO 30 MAGGIO: Rinviata la scadenza per la presentazione del Modello 730 per la Dichiarazione dei Redditi
AGGIORNAMENTO 31 MAGGIO: Prorogate le detrazioni fiscali per ristrutturazione casa e riqualificazione energetica
NEWS 27 giugno: Bonus fiscali acquisto elettrodomestici

Il DL 83/2012 è entrato in vigore il 26 giugno 2012 e scadrà il 30 giugno 2013, introducendo aliquote più alte ed un nuovo tetto massimo per le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie: il fatto è che per le spese sostenute prima del 25-6-12 o quelle che verranno sostenute dopo il 30-6-2013 varranno i vecchi numeri.

Più specificatamente, il Decreto Sviluppo stabilisce una detrazione Irpef del 50% per delle spese che possono arrivare massimo a 96.000€: queste spese per ristrutturazioni edilizie devono essere sostenute appunto nel periodo di validità del decreto, cioè come detto tra il 26 giugno 2012 ed il 30 giugno 2013; per le spese di ristrutturazioni sostenute prima o dopo la detrazione Irpef sarà del 36% per un tetto massimo di spesa di 48.000€.


Ricordiamo inoltre che ci sono anche delle diverse detrazioni fiscali sulle spese di riqualificazione energetica, il cui bonus del 55% scadrà come quello del 50% sui lavori di ristrutturazione il 30 giugno 2013.

Importante specificare che per detrazioni fiscali spese ristrutturazione vige il criterio di cassa per capire appunto se valgono i numeri del Decreto Sviluppo oppure quelli “normali”, ovvero occorre guardare non a quando sono stati eseguiti i lavori, bensì quando sono stati effettuati i pagamenti per tali opere: dunque sarà necessario fare calcoli precisi e, se possibile, pagare tutto entro il 30 giugno 2013 per usufruire delle aliquote e del tetto massimo più elevati.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni