Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

Il bonus sociale gas: contributo statale per famiglie a basso reddito per sconti sulla bolletta

mercoledì 9 gennaio 2013 Aggiornato il:

Le bollette sono tra le spese che più pesano sulle finanze delle famiglie: anche noi de ilportafoglio.info lo sappiamo bene e voi lettori ce lo confermate con le risposte al nostro sondaggio. Per le famiglie a basso reddito esistono diversi aiuti: già abbiamo descritto il bonus sociale elettricità, vediamo adesso il bonus sociale gas. Informiamo inoltre che ci sono anche agevolazioni per la bolletta Telecom.

NOVITA': iniziativa AbbassaLaBolletta di Altroconsumo per abbassare le bollette luce e gas.

Il gas per riscaldamento e cucinare è una spesa necessaria per un servizio essenziale: peccato però che la crisi abbia acuito le difficoltà delle famiglie a basso reddito e, se la bolletta non viene pagata per un certo periodo, la fornitura di gas può venire disattivata anche in pieno inverno. Un aiuto allora arriva dal bonus sociale gas: valevole solo per il gas metano della rete, non per le bombole, può essere domandato solo per uso residenziale.

Essendo per le famiglie a basso reddito, il bonus sociale gas si può richiedere se si ha un reddito Isee sotto i 7500€, oppure sotto i 20.000€ se ci sono più di tre figli a carico.
E’ un contributo statale che copre una parte delle spese per la bolletta: precisamente è di circa il 15% dei costi presunti al netto delle imposte, ma l’ importo preciso viene ogni anno aggiornato dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas (Aeeg) tramite alcuni criteri: tipologia di uso del gas metano (se solo riscaldamento, solo cottura, solo acqua calda, oppure tutte e tre le cose), il numero dei componenti il nucleo familiare, la zona climatica di residenza. IMPORTO BONUS GAS 2013
Come per il bonus sociale energia, anche per la richiesta del bonus sociale gas bisogna compilare e consegnare al Comune di residenza o ad un Caf dei moduli scaricabili dal sito dell’Autorità per l’energia, o dal sito del Ministero per lo Sviluppo economico, o dal sito Anci, oppure prendendo quelli cartacei presso il municipio.

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni