Aggiungimi su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+

In vacanza sì, ma col prestito!

martedì 3 luglio 2012 Aggiornato il:

Alle vacanze non si rinuncia, nonostante la crisi… Certo le ferie saranno più brevi (per questo le statistiche dicono che si va meno: perché considerano solo le vacanze lunghe) ma ci si va comunque: quello che stupisce, fino a un certo punto, è che molti di coloro che andranno in vacanza lo faranno grazie ad un prestito finalizzato: i budget non sono sufficienti e quindi si domanda un bel finanziamento per inguaribili vacanzieri.

Lo studio è stato fatto da un noto portale di prestiti on line su oltre 20.000 domande di finanziamento: sapete quanto è l’ importo medio richiesto? Ben 4080€, con punte anche di 8000€! Nonostante si punti a vacanze più brevi, si va comunque in aereo, si soggiorna in villaggi turistici e hotel, non ci si fa mancare nessuna comodità. Diciamo quindi austerity e spending review non toccano gli italiani, che pur di andare in vacanza non esitano a domandare  finanziamenti con importi non indifferenti!
Non tutti certo, questo è un discorso che evidentemente riguarda una certa frazione di coloro che faranno le ferie: l’ età media di chi domanda un prestito per le vacanze è intorno ai 40-50 anni, il 41% dei richiedenti, mentre i più giovani sono il 25%, gli ultracinquantenni sono il 13%, mentre gli ultrasessantenni solo il 6%; si evince quindi che la fascia 30-50 anni domanda il 66% dei finanziamenti in questione.

Importante il dato del contratto di lavoro: ben il 72% dei prestiti è rilasciato a lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, mentre solo il 7% agli autonomi, il 4% ai pensionati: il lavoro fisso rimane la garanzia più apprezzata dalle banche.
A livello regionale, è la Lombardia la regione che concentra la maggioranza dei richiedenti questi prestiti (circa il 25% del campione osservato), seguita da Lazio ed Emilia Romagna (12,5%), Sardegna (10%) e Veneto (8%). Anche in termini di entità, la Lombardia conferma la sua leadership con importi medi pari a 8.800€, seguita da Umbria (6.200€) e da Emilia Romagna (2.500€).

Articoli più letti negli ultimi 30 giorni